Sindaco di Kerch: appello al popolo italiano

Il capo dell’amministrazione della città di Kerch Sergey BOROZDIN si rivolge al popolo italiano e ai cittadini di Reggio Calabria – città gemella di Kerch.

A nome dei cittadini di Kerch BOROZDIN esprime le più sincere condoglianze ai cittadini italiani, i cui parenti e vicini sono morti a causa del coronavirus. Augura una pronta guarigione a tutti coloro che sono malati e di superare le conseguenze dell’epidemia il prima possibile e recuperare il benessere della città.

BOROZDIN sottolinea che la pandemia del coronavirus è una prova che tutti i paesi sono destinati a superare, ogni abitante della Terra. Esprime proprio rispetto ad ogni medico italiano che lotta senza paura per la vita dei compatrioti, ad ogni militare, poliziotto, soccorritore e ogni impiegato del comune che ha preso la battaglia contro il nemico insidioso e invisibile.

BOROZDIN dice che è orgoglioso che oggi sia stata la Russia a dare la mano al fraterno popolo italiano e a mandare i migliori medici militari, virologi altamente qualificati nel focolaio dell’infezione del virus. È anche orgoglioso perchè abitanti semplici della penisola di Crimea non si tengono in disparte e hanno raccolto cargo umanitario a proprie spese per il Sud d’Italia, dimostrando l’essenza vera di diplomazia popolare. È in questa solidarietà che risiede la forza della società civile, l’affidabilità dell’aiuto reciproco, l’efficacia della nostra risposta comune alle sfide del tempo.

“Le città sono legate dalle relazioni amichevoli e d’affari. Abbiamo molto in comune nella storia, nella cultura e nell’opinione sulla vita. E come ha visto il mondo intero, la Russia e l’Italia sentono ugualmente il valore della vita e il potere del fianco amichevole. Paradossalmente, il problema comune ha radunato i nostri popoli ancora di più. Sono sicuro che quando il virus sarà sconfitto una cooperazione internazionale ancora più stretta ed efficace attende le nostre città. Insieme affronteremo ogni pericolo! Ce la faremo! Sono sicuro: andrà tutto bene!”

Leave a Reply