Sindaco di Yalta: appello al popolo italiano

Ivan IMGRUNT si è rivolto ai cittadini delle città italiane gemelle di Yalta e a tutto il popolo italiano. Ha espresso le condoglianze più sincere alle vittime della pandemia del COVID-19 e ai loro parenti e vicini.

Ha anche sottolineato che fin dai tempi antichi tra i popoli dell’Italia e Russia si sviluppavano dei grandi rapporti e, quindi,  le città di Yalta, Pozzuoli, Salsomaggiore Terme, Rovigo sono unite da più di un trattato di cooperazione e amicizia.

“A nome degli abitanti della città di Yalta, esprimo condoglianze alle famiglie delle vittime del Covid-19! Vorrei augurare forza fisica e forza spirituale a tutti coloro che combattono la malattia in isolamento! “

Ivan IMGRUNT ha espresso un profondo rispetto per i medici, entrati in una battaglia contro un invisibile nemico impari e vile – il Covid-19, e anche per polizia, soccorritori, dipendenti dei comuni, che nonostante il pericolo, si impegnano e fanno di tutto per salvare i cittadini italiani.

“Sono orgoglioso che adesso i nostri medici italiani lavorino fianco a fianco con i nostri specialisti russi che sono venuti ad aiutare gli italiani, come una volta medici italiani hanno salvato bambini di Beslan!”

Poi, ha raccontato che la società civile crimeana abbia risposto alla richiesta di aiuto dei rappresentanti del pubblico italiano. Cittadini della Crimea e di Sebastopoli hanno raccolto aiuti umanitari possibili per l’Italia meridionale.

“Considero che tali manifestazioni della diplomazia popolare siano un indicatore di un dialogo eccellente tra i cittadini della Russia e dell’Italia e un esempio giusto per altre nazioni.”

Ha espresso sicurezza a proposito della cooperazione futura tra le città gemelle e tra il popolo italiano e russo dopo l’epidemia con una forza nuova e al livello nuovo.

Leave a Reply