Centro commerciale “Musson” chiuso a Sebastopoli da procura

Il giudizio municipale di Sebastopoli ha sospeso il funzionamento del più grande centro commerciale nella città.

Ne ha comunicato il servizio stampa della procura di Sebastopoli.

Il giudizio municipale è d’accordo con la posizione della procura sulla necessità dell’ammonimento del causare danni alla vita e alla salute di cittadini e dell’eliminazione delle norme della sicurezza antincendio. In alcuni stabili del centro sono situati albergo, complesso sportivo, bowling, complesso ricreativo per bambini, ristoranti, supermercato, grandi negozi, bigliardo, cinema. Le riunioni giudiziarie avranno luogo l’8 e il 13 giugno.

Sono i rappresentanti della procura municipale che hanno fatto richieste della chiusura del centro commerciali dopo i controlli su rispetto delle regole di sicurezza antincendio. Il giudizio della prima istanza del quartiere Gagarinsky non ha fermato il funzionamento del “Musson”. Prima a Sebastopoli erano chiusi altri 15 oggetti con il soggiorno di massa della gente.

I controlli della procura in Russia sono diventati più spessi è rigido dopo il tragico incendio del centro commerciale “Zimniaya Vishnia” (ciò si traduce come Ciliegie d’inverno) il 25-26 marzo del 2018 a Kemerovo, nella regione di Mosca, quando sono morti 60 persone, tra cui – 41 bambini.

Fonte

Leave a Reply